"...Cosa dice Mammouth per giornate intere?
Straccio i prezzi.
Guardate, invece, Marlboro.
È una sigaretta che, alla prima tirata, vi trasforma in un cow-boy.
È qui la magia della nostra arte..."
Jacques Séguéla

Storia n°3: Rubinia Gioielli. Preziosi modellati dalla vita.

I ragazzi di Rubinia (non sono ragazzi per età, ma per emozioni e stupore) ci hanno consegnato la storia di un progetto – narrata in prima persona dalla sua creatrice Paola Ferraro – troppo sentita e personale perchè noi potessimo manometterla per adattarla alle abitudini della casa.
Ci limitiamo quindi a qualche rapida pennellata su Rubinia e le sue persone e poi diamo la parola a lei, Paola e al suo Filodellavita.

LA SENSORIALITA’
Colori, Rumori, Profumi..
.una ricerca nella natura per condividere sensazioni e quindi sentimenti. Nello sviluppo della storia escono di prepotenza, lasciamo quindi alla storia il compito di presentarceli.

I PROTAGONISTI

Paola Ferraro

Paola Ferraro, creativa e mamma che coccola le sue bambine e i suoi gioielli con la totale dedizione di una leonessa. Roberto Ricci, intuitivo e strategico marketing-man che comunica apertamente il suo piacere di commuoversi.
Ilario artista e artigiano. E tutti gli altri…

Roberto Ricci

LA STORIA
Rubinia nasce nel 1985, dalla voglia di far vivere il mondo della moda in gioielleria.
Nasce a Portofino, che non e male, il nome è la fusione di due elementi naurali, la robinia (pianta forte tenace, spontanea dai fiori profumatissimi) e il rubino (principe delle pietre.
E’ una storia che avvolge di emozioni tutti quelli che la vivono, perché entrare nel mondo Rubinia vuol dire coinvolgere i nostri 5 sensi.
Nei negozi Rubinia tutti i sensi sono coccolati. Il profumo è un protagonista che accoglie e conduce.
La vista è catturata dalle vetrine, sempre ricercate e connotate di colori del momento e da oggetti inusuali;
Il gusto viene risvegliato dall’abbinamento tra i gioielli proposti e i sapori, dal cioccolato di Modica alle caramelle al rosolio.
La musica avvolge l’ospite mentre ammira le ultime creazioni e il tatto ovviamente, il piacere di toccare, di indossare un gioiello studiato nelle proporzioni e nei pesi.
Rubinia è una storia di ricerca di viaggi, di mercati antichi, di fiere, di sfilate, di contatti con persone fuori dal nostro mondo.

Le pietre: rubini, ametiste, cristalli…tutti i colori della natura. I metalli: oro, argento e altre infinite leghe. Storie già fantastiche di per sé: a Rubinia la possibilità di raccontarle attraverso un gioiello…
Cos’é in fondo un gioiello: un oggetto che – il più delle volte – segna un momento della tua vita.
Una storia fatta di giovani, che vanno in azienda e che l’azienda cerca, per essere sempre al passo con i tempi, di giovani che portano energia arricchendosi di esperienza e passione.Una storia fatta di solidarietà. Le donne e gli uomini di Rubinia sono sempre attenti a chi sta peggio, in prima linea con Convivio nella lotta contro Aids, sempre con Telefonoazzurro e sempre sensibili a nuove necessità. Una passione per i gioielli e per la creazione dello stupore, con nuovi materiali, con nuove frontiere, con proposte a volte azzardate ma sempre rispondenti a richieste prettamente sensoriali.
La voglia di cercare nuovi mercati, di vedere l’insegna Rubinia in altre città, in altri paesi.
La voglia di farsi conoscere non solo attraverso i gioielli, ma anche i valori e gli intenti.
LA STORIA DELL’ANELLO “FILODELLAVITA” di Paola Ferraro
C’era una volta…è così che iniziano tutte le storie del mondo e dunque sia.
C’era una volta un anello dal nome un po’ “magico”, si chiamava Filodellavita … C’era una volta e c’è ancora e ogni giorno è sempre diverso, più prezioso, più brillante (lucente) e più ricco di storie da raccontare. Le storie che porta su di se sono storie di tutti, ma appena nato portava con se solo la mia.
La mia storia fatta di arte, pittura, fotografia, di musica e di teatro.
La mia storia ricca di ispirazione, dopo l’incontro con Roberto e Rubinia, la mia storia piena di pietre e colori da far convivere, di collane dalle forme più stravaganti.
La mia storia ora fatta d’oro e d’argento, di monili…
Densa di famiglia, tre figlie, e dunque fatta d’amore, di quotidiano, di sole e pioggia, fatta di albe e tramonti, di gioie e dolori, fatta di speranza per una vita sempre serena.
Per gioco, un filo di metallo tra le mie dita, mentre ero a tavola in compagnia del buon cibo, del vino e di una musica libera nell’aria, resa quasi preziosa delle dolci note acute e cristalline di un lieder di Mahler.
Attorciglio il filo intorno al dito una volta, due, quattro, sei volte, tante volte.
Il filo non è perfetto perché già usato, con naturalezza forma dalle curve e controcurve, sembra proprio un anello a tutti gli effetti, così spontaneo e non prevedibile… nasce tra le mie dita, sulle mie dita.
Lo osservo e mi piace.
Domani lo voglio raccontare al mio team di lavoro (a Roberto, soprattutto), vediamo se suscito in loro le stesse emozioni che ha generato in me.
E’ domani … mostro “l’anello” e mentre lo racconto nascono in me sempre più osservazioni e spunti, idee su questo filo “già vissuto” e imprevedibile nel suo arrotolarsi intorno al dito, osservo gli sguardi incuriositi del team, ansiosi di sentire il perché di questo filo.Tra le loro mani intorno alle loro dita … ha già un’identità … Gli sguardi compiacenti … sortisce lo stesso effetto che ha avuto su di me?
Commenti, osservazioni … Sono sempre più sicura che questo filo sulle mie mani, rappresenti qualcosa di strettamente personale e dunque legato a me, forse legato a chi lo indosserà?
Siamo tutti d’accordo; trasformare l’embrione dell’anello in qualcosa di prezioso, se rappresenta la vita è già prezioso esso stesso.
Ancora un giorno per “sentirlo” mentre è in gestazione, poi lo racconto all’orafo nonché amico, accanto al quale mi siedo. Il suo banchetto quasi una “sala parto” con grande esperienza; in materia di parti sono ferrata… osservo le sue abili ed esperte mani che si muovono sapientemente sull’argento mentre gli racconto la storia del filo, di com’è nato e di cosa suscita in me.
Ecco un primo abbozzo di anello, mi piace, mi sembra che parli (non me ne voglia nessuno, non voglio peccare di presunzione, se Michelangelo chiese al suo Mosè perché non parlasse e a me sembra di sentire qualcosa …)
E’ quasi finito, è prezioso, è anello, è nato finalmente! Lo indosso e c’è subito sintonia, si adatta al mio dito, segue le curve della mia mano e dei miei pensieri. In mezzo a quei fili c’è anche il mio passato e tutto quello che mi appartiene.
Quanti anni passati a cercare impressioni “preziose”, e sperimentare tecniche di lavorazione di materiali diversi …
Lo mostro ancora al team, con lo stesso entusiasmo con il quale si presenta il proprio cucciolo d’uomo al mondo … è l’ultimo nato di Rubinia, gli ho già dato un nome, Filodellavita.
Viene accolto con gioia da tutti, scopro che tutte le donne alle quali lo presento hanno voglia di portare con se ogni giorno un po’ della loro vita, il passato, il presente … e scopro che anche gli uomini apprezzano istintivamente questo anello ricco di significati.
Ciò che appare è un gioiello, è prezioso e questo è ciò che Rubinia da tanti anni si prefigge, la preziosità delle sue creazioni.
Prezioso come le nostre vite, il suo significato è il nostro segreto “un segreto prezioso”. Nasce il primo Filodellavita, il battesimo è pronto presso il nostro punto vendita di Via Vincenzo Monti a Milano. Decidiamo di raccontare questa storia a tutte le persone incuriosite dal Filodellavita. A Rubinia piace raccontare la realtà delle proprie produzioni.
Raccontiamo una bellissima storia piena di significato, la riassumiamo in poche righe l’anello Filodellavita rappresenta le vite di ognuno di noi…
Il messaggio della “vita” è sempre forte e va diritto al cuore, cattura l’attenzione di chi si ferma a leggere, rapisce le emozioni di chi entra nel negozio per provarlo.
Difficilmente chi ascolta la storia e prova l’anello resiste alla tentazione di farlo proprio. Non era solo la reazione del “team” di lavoro dunque …
Il primo Filodellavita venduto: ottobre 2009, quasi commossi festeggiamo. Tra le curve delle “vite” c’è dentro anche un po’ della nostra storia; la storia di Rubinia fatta di sogni e desideri, fatta di passione, ricerca e amore per il bello.
Poi un giorno Roberto:… “e se mettessimo tra le curve della vita dei diamanti?

Penso subito che sia un ulteriore omaggio alla vita che deve essere illuminata per essere impreziosita e per rendere il ricordo più luminoso, più chiaro il piu’ delle volte … e la storia continua…

Rubinia gioielli – www.rubinia.com
Milano, Largo Alpini 1
Milano, Via Vincenzo Monti 26
Santa Margherita Ligure, Via Garibaldi 13